Iniziativa “LANTERNE VERDI”

Iniziativa “LANTERNE VERDI”

In occasione della Giornata internazionale per i diritti dei migranti che ricorre sabato 18 dicembre il Comuni di Reggio Emilia ha scelto di invitare cittadini, istituzioni, associazioni ad accendere dal 13 al 19 dicembre una lanterna verde alle finestre, sui balconi, negli uffici e nelle case come segno di pace e solidarietà con quanti in Polonia, sfidando i divieti di Varsavia, scelgono di lasciare una luce verde accanto a porte e finestre per segnalare ai migranti che riescono ad oltrepassare il confine con la Bielorussia, che in quelle case possono trovare ospitalità. Una luce verde di speranza e di vicinanza, ma anche un segnale di resistenza a restare umani di fronte a chi cerca nella migrazione una possibilità di vita migliore, lontano da guerre, violenze e povertà.

“Con questa iniziativa vogliamo lanciare un messaggio di rispetto del diritto internazionale per un’Europa capace di costruire ponti e abbattere muri, un’Europa Di tutti – si legge nell’appello diffuso dai promotori – Prendiamo spunto dai cittadini polacchi che accendono luci verdi per segnalare ospitalità e aiuto ai migranti che riescono a passare il confine con la Bielorussia: conferma che l’Europa è pronta e capace di mostrare speranza, umanità, solidarietà.

“Le lanterne verdi non sono soltanto un gesto simbolico ma un’espressione di vicinanza e presenza che vorremmo illuminasse la città, le nostre piazze, le nostre strade e le nostre case. Un segno di vicinanza e responsabilità per contrastare l’indifferenza e per ribadire che vogliamo istituzioni nazionali e comunitarie in grado di affrontare le emergenze umanitarie e tutelare con leggi chiare ed eque il diritto di mobilità, il diritto di accogliere, il diritto a migrare”.

Un’iniziativa corale, promossa dal Comune di Reggio Emilia insieme a una rete di altri soggetti del territorio, che ad oggi ha già raccolto l’adesione di molte realtà tra associazioni, enti, istituzioni tra cui quella della nostra Cooperativa

 

 

 

 

 

Condividi:
Share