Mani in Pasta nuovo negozio

donnemigranti001
Donne migranti, l’incontro a Reggio Emilia
1 febbraio 2018
1
Album di famiglia, lo spettacolo
20 febbraio 2018
mip2

Un valore sociale che continua nel tempo: Mani in Pasta si rinnova e si presenta alla città 

Sabato 3 febbraio Il laboratorio gastronomico artigianale ha inaugurato i nuovi locali in Via Kennedy a Reggio Emilia.

Nuova sede, ma stesso impegno e valore sociale. Mani in Pasta ha scritto una nuova pagina della sua storia e sabato 3 febbraio a Reggio Emilia ha inaugurato il nuovo negozio, alla presenza delle istituzioni locali e della città. Sono intervenuti Lino Orlandini, presidente della cooperativa sociale Madre Teresa, Matteo Sassi, vicesindaco di Reggio Emilia e assessore al Welfare, Gianni Borghi, presidente della Fondazione Manodori e Silvia Bacilieri della Fondazione Cattolica Assicurazioni.

Il presidente Lino Orlandini, con commozione e gratitudine, ha ricordato il cammino che la cooperativa sociale Madre Teresa ha fatto in questi anni per sostenere un progetto di formazione al lavoro, come quello di Mani in Pasta, che fonda “nell’ascolto, nell’accoglienza e nel riscatto sociale le basi per la creazione di un nuovo percorso di vita e che ultimamente ha avuto riconoscimenti di natura nazionale ed internazionale”.

“Il vostro insegnamentoha sottolineato il vicesindaco Matteo Sassiè quello che ci fa comprendere quali sono le cose da cui bisogna partire, quelle fondamentali e forse le più semplici. Prima di tutto,  le competenze di cui ciascuno è portatore, nessuno escluso, a cominciare da coloro che si trovano in una condizione di disagio e bisogno. Poi, l’impegno e la passione, a partire dai propri valori e dalla propria identità, aperta ed inclusiva. Una realtà come la vostra, cattolica, è in grado di costruire un dialogo aperto con tante altre culture della nostra comunità. Infine, l’importanza di ciò che ci sta intorno, la terra con i suoi prodotti tipici, il valore di una buona agricoltura e lo sviluppo di progetti che puntato al rispetto e alla cura del territorio, come quello di orticoltura che state portando avanti a Rivalta”.

Sono contento di essere qui oggi per ricordare insieme a voi il traguardo di Mani in Pasta – ha dichiarato il presidente Gianni Borghi -, un progetto che ricordo essere stato vincente a livello nazionale nel 2010. Questo, infatti, dice molto della capacità progettuale nel sociale della Cooperativa Madre Teresa e della ricchezza che essa è in grado di portare nel nostro territorio.

Il nostro guadagno futuro, investendo in questa attività, ha aggiunto Silvia Bacilieri della Fondazione Cattolica Assicurazioni, è certamente a livello di recupero e valorizzazione della persona a 360 gradi, un aspetto che parte dalla presa di coscienza di un impegno, dal prendersi cura di un incarico e prosegue dall’imparare una competenza per attuare un inserimento sociale globale. Quando si ragiona con la logica dell’impresa, ma al centro si mette la persona, allora l’impresa si riempie di valore. Mani in Pasta ne è un esempio”.

 

Condividi: